skip to Main Content
Aspettando “Solo Se Puoi” – Intervista Al Pastore Avventista Mihail Gavrilita

Aspettando “Solo Se Puoi” – Intervista al Pastore Avventista Mihail Gavrilita

“Spero nel successo di questa iniziativa! Trovo di rilevante importanza e di estrema utilità riuscire a sensibilizzare tutti coloro che potrebbero essere toccati da problematiche relative alla gestione economica delle proprie risorse”!

Pochissimi giorni alla tappa del Tour Solo Se Puoi nella città di Perugia, e il pastore Mihail Gavrilita sta insieme a noi attendendo e promuovendo l’evento.

“Il messaggio è alquanto attuale e necessità di più visibilità possibile! Spero che l’iniziativa possa direzionare l’attenzione e la comprensione sulla negatività e pericolosità di qualsiasi genere di indebitamento oltre le proprie potenzialità”.

Un’occasione più unica che rara per raggiungere con impatto e semplicità diverse fasce d’età e fornire loro strumenti e informazioni utili a conoscere e ad affrontare una realtà drammatica e diffusa più di quanto si possa pensare.

“Nella mia esperienza non ho mai avuto direttamente a che fare con casi di ludopatia, tuttavia sono indirettamente venuto a conoscenza di come quest’ultima sia riuscita a rovinare intere famiglie”.

Aiutare è certamente tra le nostre priorità ma ancor meglio che aiutare è prevenire! Il programma non vuole infatti solo sensibilizzare ma soprattutto educare! Ed è forse proprio questa la chiave vincente per diminuire il futuro numero di casi di quelle che anche il pastore Mihail definisce “famiglie intere rovinate”.

Alla domanda “A cosa pensi possa esser in parte dovuta la problematica della ludopatia?” Mihail condivide con noi la seguente riflessione: “Credo che la ludopatia tragga le sue origini dal bagaglio di insicurezza che una persona porta dentro sé. L’insicurezza, unita al bisogno di esser riconosciuto come persona valida e all’altezza, può rischiare di far cadere nella trappola della ludopatia. L’individuo non riesce a scindere le sue azioni dall’idea della sua persona… Ogni volta che perde, si sente un perdente…e da qui non segue altro che un circolo vizioso”.

Mihail conclude infine aggiungendo: “Il mio augurio a tutti coloro che sono caduti o rischiano di cadere nella trappola della ludopotia e dell’indebitamento che ne può conseguire, è quello di rivolger lo sguardo a Dio. Un Dio in grado di darci il giusto riconoscimento e l’appagante approvazione di cui sentiamo aver bisogno. Un Dio che desidera chiamarci suoi amati figli”.

Il tour “Solo se puoi”, è un’iniziativa sostenuta da parte dei fondi dell’8×1000 destinati alla chiesa Cristiana Avventista del 7° giorno.

Denise Sutera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Back To Top
×Close search
Cerca