skip to Main Content

Liberi di comunicare

La comunicazione è alla base di ogni convivenza, sia che si parli di un rapporto domestico, sia che si ponga l’attenzione alle dinamiche della società nel suo insieme.

Tra i vari modi di comunicare quello su cui si basano le molteplici relazioni sociali, che caratterizzano la nostra vita, è sicuramente quello verbale. Ecco perché la vera accoglienza e la vera integrazione passano innanzi tutto dal poter comunicare in un lingua intellegibile da tutti i soggetti comunicanti. Ed ecco perché i volontari del Centro di Speranza di Palermo hanno voluto mettere in campo le loro energie per accompagnare dieci minori stranieri all’apprendimento della lingua italiana, integrando con la loro attività le risorse a volte troppo limitate della scuola pubblica.

Il Centro si pone l’obiettivo far apprendere ai discenti una lingua di qualità, che non si limiti ai vocaboli storpiati o ai verbi sempre al modo infinito, che caratterizzano la comunicazione di molti stranieri con difficoltà ad integrarsi. L’obiettivo ambizioso, ma anche necessario, è quello di dare la possibilità ai ragazzi che frequentano il corso, non solo di comprendere messaggi scritti e orali complessi, ma anche di saperli produrre correttamente. Aprendo loro così la possibilità di una realizzazione più gratificante nel mondo del lavoro, rendendoli membri della nostra comunità maggiormente produttivi, sfruttando appieno tutte le loro potenzialità.

Parlare correttamente la lingua del posto in cui si vive libera da una sorta di prigionia dettata dall’impossibilità di capire chi ci sta attorno. La cattiva comprensione dell’italiano relega l’individuo, anche non straniero, ai margini della nostra società, come fosse invisibile. Ecco perché il corso è frequentato con assiduità ed entusiasmo dai nostri studenti.

Grazie all’8×1000 alla Chiesa Cristiana Avventista Del 7° Giorno i volontari del Centro di Speranza hanno avuto la possibilità di offrire ai ragazzi di cui si occupano un luogo adatto alle attività didattiche e il materiale necessario ad un rapido apprendimento.

Serafina Riccobono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Back To Top
×Close search
Cerca