skip to Main Content
NIENTE PER NIENTE A PARMA

NIENTE PER NIENTE A PARMA

È partito il 14 marzo da Parma il tour nazionale 2016, che porterà in scena in 6 città italiane la pièce “Niente per niente, storie sospese tra il sovraindebitamento e l’usura”. Si tratta di un progetto promosso dalla Fondazione Adventum e dall’Ambulatorio Antiusura Onlus col patrocinio del Comune di Parma e il sostegno dell’8xmille della Chiesa Avventista, su un tema scottante che oggi assume caratteristiche sempre più pervasive e subdole.

L’iniziativa è stata presentata, venerdì 11 Marzo nel corso di una conferenza stampa, dall’assessore al welfare Laura Rossi, da Franco Evangelisti presidente della Fondazione ADVENTUM, dalla regista Giusi Cataldo e da Michela Musile Tanzi della Struttura Operativa Genitorialità del Comune.

Numerose le testate giornalistiche online che si sono occupate dell’evento tra cui la Gazzetta di Parma, Parmadaily.it, ParmaToday, Emilia Romagna News 24, TV Parma con un interessante servizio che trovate a questo link http://www.tvparma.it/Video/tg-parma—telegiornale/-niente-per-niente–lo-spettacolo-sul-fenomeno-del, oltre al sito del Comune di Parma che ne ha dato ampia notizia.

niente-per-niente-gazzetta-di-parma

“Si parla poco del tema dell’usura – ha spiegato l’assessore al welfare Laura Rossi durante la conferenza stampa – anche se il suo impatto subdolo sulla società c’è ed ha anche forti ricadute. Lo spettacolo teatrale in programma al Workout Pasubio, “Niente per Niente”, il 14 e 15 marzo, vuole essere un momento per riflettere su questo argomento coinvolgendo il mondo della scuola ed i cittadini”.

Franco Evangelisti, Presidente della Fondazione Adventum, ha rimarcato il fatto che il 37,3 % delle famiglie che hanno contratto un mutuo non riescono a pagarlo, il 40 % delle famiglie che paga l’affitto è oggi in difficoltà, il fenomeno dell’usura interessa almeno 200 mila commercianti. “L’obiettivo dello spettacolo – ha spiegato – è quello di creare una cultura e un’educazione in modo da utilizzare le risorse che si hanno a disposizione senza incappare nella rete dell’usura. La forma dello spettacolo teatrale è stata scelta in quanto riesce a coinvolgere a fondo il pubblico e a fornire tutti gli spunti per prevenire anche il problema dell’usura. Lo spettacolo ha, dunque, una funzione formativa”.

La regista Giusi Cataldo ha parlato di uno spettacolo realizzato da attori professionisti che racconta storie vere di grande impatto. “È possibile evitare il sovraindebitamento familiare rinunciando, per esempio, a tanti oggetti costosi e inutili che ci vengono proposti nella quotidianità”.

Michela Musile Tanzi della Struttura Operativa Genitorialità del Comune ha fatto riferimento al ruolo importante dei Laboratori Famiglie e dei Punti di Ascolto del Comune, dove viene trattato anche il tema dell’usura e di come gestire in modo appropriato il proprio bilancio familiare.

“Niente per niente” è un’opera teatrale di Francesco Randazzo, con la regia di Giusi Cataldo e l’assistenza alla regia di Giovanni Carta. Il cast è formato da Giusi Cataldo che interpreta l’imprenditrice in gravi difficoltà economiche a cui viene negato l’accesso al credito; Alessio Di Clemente veste i panni di un pugile che, inizialmente vittima d’usura, diventa un aguzzino per conto degli usurai; Francesco Meoni interpreta l’usuraio senza scrupoli, molto abile ad irretire le persone delle quali intende approfittare; Rossana Veracierta veste i panni dell’impiegata insoddisfatta che sperpera tutto il suo stipendio in spese folli, non riuscendo ad arrivare a fine mese.

Attraverso questo progetto e agli altri strumenti della campagna di sensibilizzazione SOLO SE PUOI, la Chiesa Cristiana Avventista auspica che un numero sempre crescente di persone impari a scegliere consapevolmente, per avere una migliore qualità di vita.

Rassegna stampa:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Back To Top
×Close search
Cerca