Progetto-integrazione-culturale-formia

PROGETTO DI INTEGRAZIONE CULTURALE A FORMIA

Nel mezzo della ricchezza del multiculturalismo e dei vari colori dei visi che dipingono la tela del nostro paese c’è tanta diffidenza e discriminazione razziale. Nonostante la convivenza tra diverse nazionalità, ormai è una realtà vecchia, un quotidiano al quale ormai dovremmo aver dato il suo posto, i fatti invece dimostrano che quest’ambizione di riuscire a gustare e vivere i tratti tipici di ognuno rimane un obiettivo ancora assai lontano.

Per entrare nel merito di questi obiettivi non raggiunti, siamo convinti che si può fare qualcosa, si può e si deve dialogare a cominciare con le nuove generazioni: bisogna tracciare percorsi di conoscenza, di confronto, di studio e di osservazione di realtà di mondi e popolazioni che per necessità o per scelta si ritrovano ad occupare lo stesso pezzetto di terra.

Per questo motivo ADRA Italia (Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso) ha deciso di sostenere il progetto di promozione sociale dell’Associazione Universo Integrato che interagisce con le scuole secondarie di I grado all’interno del loro programma scolastico, attraverso un percorso di educazione all’interculturalità e alla partecipazione sociale.

Tale percorso si articola in una serie di incontri con esperti e testimoni dell’immigrazione che si propongono di far svolgere agli studenti una significativa esperienza di conoscenza e di confronto, allo scopo di ridurre pregiudizi e stereotipi, aprirsi alla multi-culturalità e sviluppare lo spirito di solidarietà. L’iniziativa sostenuta da ADRA Italia attraverso l’Associazione Universo Integrato è stata promossa nei mesi che vanno da Gennaio a Marzo nelle scuole secondarie di I grado “Vitruvio Pollione” e “P.Mattei” a Formia.

integrazione-culturale-formia

Felix Adado, il relatore che ha interagito con i ragazzi nelle scuole, sostiene che “ogni incontro vissuto ha la potenzialità di seminare nel pensiero di queste nuove generazioni l’inizio di un cambiamento di prospettiva positiva nel rispetto della multiculturalità.”

Elisa Gravante dello staff di ADRA Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Cerca