skip to Main Content
Chi Può Diventare Animatore AISA?

Chi può diventare animatore AISA?

Fare l’animatore AISA (Associazione Italiana Scout Avventista) non è così semplice, ci vuole impegno, costanza, spirito di iniziativa, sopravvivenza e avventura, gioia, allegria, spiritualità… e molto altro.
Fin da piccola, tutti gli animatori che ho incontrato sul mio sentiero avevano queste caratteristiche ed è grazie a loro e, ai loro insegnamenti, se oggi sono quella che sono.
Essendo diventata animatrice AISA, cerco di fare del mio meglio proprio come loro.
Condivido questo percorso con mio marito ed è bello vederci insieme, uniti dalla passione, vivere l’esperienza di volontariato per la nostra chiesa. Viviamo a Padova e devo dire che i bambini nella nostra chiesa non mancano. Sono veramente tanti e tutti gli anni aumentano. Il programma è veramente pieno, così tutti i sabati pomeriggi ci riuniamo, indicativamente dalle 16.00 alle 18.00, per crearlo o cambiarlo. Durante la settimana, però, bisogna prepararsi, coordinarsi fra animatori, organizzare il materiale e quant’altro. Non è un lavoro da prendere sotto gamba, come dicevo prima, ci vogliono costanza e gioia nel farlo. L’anno comincia subito dopo l’estate, nel mese di settembre e finisce la prima metà di giugno prima dell’inizio dei campi estivi a Poppi.

Anche quest’anno, giunto al termine, è stato ricco di avventure e di gioie… un po’ faticoso per gli animatori, riportando l’esperienza personale, ma sicuramente produttivo, poiché sono sicura che abbia lasciato un segno in tutti i cuori dei nostri bambini. Credetemi che i primi a beneficiarne sono stati proprio gli animatori.

Una delle attività più belle che si ripete anno dopo anno?

Il pane scout attorno al fuoco. Con fatica i bambini si mettono attorno al fuoco, combattendo contro il caldo e il fumo, pur di cucinare il loro pezzo di pane attorno al bastone appena raccolto nei dintorni. E poi… gli occhi scintillanti mentre divorano il prodotto della loro fatica direttamente dal pezzo di legno. Spesso, soprattutto i più piccolini, ad un certo punto non ce la fanno più a combattere contro il fumo e a malincuore abbandonano il bastone, ma c’è sempre un animatore pronto ad aiutarli e questo rende l’esperienza davvero emozionante ed appagante.

aisa_bimbi

La domanda sorge spontanea, chi può fare l’animatore?

La risposta è molto semplice, chiunque voglia donare un po’ del suo tempo a questi bambini. Tutte le chiese sono sempre alla ricerca di nuove forze quindi, se ti piacerebbe diventare un volontario di questa associazione, contatta subito il pastore della tua chiesa e da settembre vivrai il tuo sabato pomeriggio da animatore AISA.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Back To Top
×Close search
Cerca