skip to Main Content
Strumenti Nelle Mani Di Dio

Strumenti nelle mani di Dio

Il 7 e 8 aprile abbiamo ricevuto la piacevole visita di Paolo Giametta con la sua famiglia, un membro della chiesa di Bergamo. Un fratello in Cristo, né pastore né missionario, forse per questo ancora più eccezionale.

Abbiamo trascorso il venerdì sera nel locale de L’Angolo dell’Amicizia a Pescara, dove un gruppo lavoro, composto da membri della chiesa di Scafa, si sta adoperando con svariate attività per creare una nuova chiesa. Le attività di evangelizzazione, sostenute dal Global Mission e dall’8×1000 della Chiesa Avventista, non sono affatto semplici in una città grande come quella di Pescara, soprattutto per chi non ha molta esperienza. Proprio per questa ragione, Paolo Giametta è venuto da noi, per raccontarci le sue esperienze che hanno portato la chiesa di Bergamo a ingrandirsi, creando altre tre gruppi-comunità.

Venerdì sera abbiamo aperto il sabato, ci ha incoraggiati e dispensato alcuni consigli da lui vissuti e sperimentati, il tutto è continuato il giorno dopo, sabato, nella chiesa di Scafa. Paolo e la moglie hanno avuto tanto da dirci, non in maniera filosofica, ma concreta. Hanno raccontato soltanto ciò che hanno sperimentato in prima persona, tra difficoltà, predisposizione a essere strumenti nelle mani di Dio, e con perseveranza nella preghiera e nella fede. Elemento fondamentale del loro vissuto, è stata l’unità tra i fratelli, pregando insieme con costanza. Quel che più ci ha colpito è stato la semplicità con cui hanno esposto e condiviso le loro esperienze, non come teologi o persone che girano il mondo, ma come individui semplici, normali e anche fragili.

Comuni fratelli di chiesa, come ognuno di noi è ma che può diventare molto di più se ci adoperiamo alla stessa maniera di questi esempi. Sono stati momenti incoraggianti ed edificanti, abbiamo pregato insieme e condiviso la voglia di fare per Cristo e per ciò in cui crediamo. La speranza e la volontà è fare molto più di quello che stiamo facendo, ringraziando Paolo e la sua bella famiglia per quello che ci hanno trasmesso con la loro solarità, semplicità e fede. Ciascun credente può tanto se resta in contatto con l’Eterno e si unisce ad altri fratelli, esattamente come fecero gli apostoli.

Roberto Camperchioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Back To Top
×Close search
Cerca