To Raise

To Raise. Studiare per sostenere ed elevare l’opera sociale.

Era il mese di Ottobre 2016, quando nella chiesa Avventista di Nicosia veniva fatto l’annuncio che si sarebbe tenuta la III edizione del percorso formativo promosso dalla Fondazione Adventum e dall’Istituto Avventista di Cultura Biblica (IACB), sostenuto dall’8×1000.

Fui colto da un certo interesse, in quanto non capivo che cosa volesse significare quel termine Fundraising. Ricordo che iniziai a fare qualche ricerca su internet, comprendendo che aveva a che fare con la sostenibilità di organizzazioni non profit, attraverso specifiche metodologie che si sarebbero apprese durante il percorso di formazione. Colsi allora l’occasione per intraprendere questa nuova esperienza.

Inviai il mio curriculum vitae insieme ad una lettera di presentazione, pochi giorni dopo mi comunicarono che ero rientrato tra i corsisti della III edizione di Professione Fundraiser.

Riferimento per la formazione e l’attività pratica e di coordinazione è la Dott.ssa Catia Drocco, mentre il riferimento per la parte organizzativa è a cura del Presidente della Fondazione Adventum,  Franco Evangelisti .

Sono trascorsi quasi sei mesi da quando sistematicamente ogni mese mi reco, insieme ai miei colleghi di corso, a Villa Aurora (Firenze) per seguire le lezioni e approfondire con attività pratiche quanto studiato in aula. Attraverso la creazione di video per promuovere le organizzazioni non profit, la redazione di articoli sui progetti sostenuti grazie all’8×1000 destinato alla Chiesa Avventista e a lavori di gruppo atti ad esercitare la comprensione di studio di un piano fundraising.

La mia personale esperienza, al di là delle nozioni di studio che ritengo essere importanti  e applicabili in qualsiasi altro contesto lavorativo o di azienda, è quella di aver conosciuto un mondo diverso, dove esistono “Persone che aiutano Persone”, dove il Bene inteso come benessere generato dall’aiutare l’altro, dove lo stare in una determinata organizzazione nasce dal desiderio di farne parte, di vederla crescere, di migliorarsi nei servizi resi, così da sentirla parte di sé, da difendere e custodire, dove ogni volontario vuole sposare la Mission di quell’organizzazione, sentendola sua e divenendo promotore di quella realtà, testimone per gli altri, al fine di far comprendere i valori e l’azione che bisogna intraprendere per mantenerla , accrescerla e farla sviluppare.

In questi mesi abbiamo conosciuto tanti insegnanti che operano già per ben consolidate realtà nel mondo non profit, alcune più conosciute, altre un po’ meno, ma ognuno ci ha trasmesso l’amore che mette nel fare il proprio lavoro, la grande soddisfazione nel  raggiungere l’obiettivo prefissato, con la certezza che il successo di quell’azione porterà beneficio a coloro che ne hanno veramente bisogno.

Invero, l’adoperarci per il prossimo, è un insegnamento biblico voluto da Dio, il quale ci dice che “c’è più gioia nel dare che nel ricevere”, dimostrandolo per primo, donandoci il suo Figlio Unigenito ed amandoci a tal punto da sacrificarlo per redimerci da nostri peccati, ripetendoci che ogni qualvolta che accettiamo e amiamo il più piccolo dei nostri fratelli, lì avremmo accolto e amato Lui.

Questo percorso ci vedrà ancora impegnati per altri due mesi (oltre a due ulteriori incontri presso lo IACB) e si concluderà con l’esame di verifica finale a Giugno.

Non so se diventerò un fundraiser, ma di certo da questa esperienza è nato in me un maggiore interesse per il sociale, consapevole che ogni volontario è di per sé un “donatore di tempo” e che ha bisogno di ognuno di noi per fare del bene agli altri. L’unione, anche in questo caso, fa la forza.

Adesso credo di avere una marcia in più per dare il mio contributo nelle attività sociali che la Chiesa Avventista promuove e per le quali si adopera, credo di poter attivamente dare il mio supporto per organizzare, gestire e trarre i migliori risultati, e dare risposte concrete a chi ha necessità.

Per questo mi sento in dovere di ringraziare tutti coloro che, attraverso l’8×1000 e le offerte, hanno sostenuto la Chiesa Avventista e permesso la realizzazione di questo percorso di studi, per formare i giovani che ne hanno voluto far parte, rappresentando le diverse chiese d’Italia.

Santo Ciuro

This Post Has 4 Comments
  1. Un grazie anche da parte mia, come corsista di Professione Fundraiser per questa bella e arricchente esperienza! Sono sicura che tutti noi partecipanti adesso possiamo dare di più , perché la Chiesa Avventista è una chiesa che da!

  2. Siamo giunti alla fine di un percorso di formazione non a caso all inizio dell’ estate. Come la nuova stagione estiva infatti anche il percorso adesso ci chiede di rimboccarci le maniche. Adesso abbiamo la piena consapevolezza che va fatto tanto lavoro bisogna pianificare e centrare gli obbiettivi. Grazie agli organizzatori e responsabili del corso Dott.ssa Catia Drocco e Pastore Franco Evangelisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Cerca