Da circa 10 anni alcune volontarie di ADRA Bologna organizzano la distribuzione alimentare per la fascia della popolazione in estrema povertà. Ma l’azione di volontariato non si limita a questo; durante il momento del banco alimentare le persone bisognose possono scegliere i vestiti di cui necessitano tra l’abbigliamento esposto. Sempre a Bologna, è attivo anche il Centro d’Ascolto, per capire le vere necessità di ogni persona e dare risposta a ogni bisogno. Inoltre una volta al mese un’infermiera, volontaria ADRA, cura la distribuzione dei farmaci gratuitamente alle persone che non possono permettersi le cure sanitarie necessarie per loro e per i loro figli, talvolta anche neonati.

La motivazione che muove le volontarie di ADRA Bologna a donare tempo ed energie per gli altri è l’impossibilità di restare a guardare davanti alle sofferenze di chi ha più bisogno di loro.

Stefania, volontaria ADRA Bologna da 50 anni, aggiunge: “è l’amore di Dio che mi permette ogni giorno di aiutare gli altri. Considerando che Dio mi dona tanto amore ogni giorno, come posso io non donarlo a mia volta? È un impegno, certo, ma la felicità che doni agli altri, ripaga tutti gli sforzi”. “E’ soddisfacente” -aggiunge Lilly- “se posso aiutare qualcuno che ha tanto bisogno, la mia giornata acquista un senso nuovo”.

Le volontarie e i volontari raccontano che le famiglie aiutate non smettono mai di ringraziare. In particolare ci sono due famiglie che, per dimostrare la loro riconoscenza, a volte cucinano un dolce per i volontari usando gli ingredienti che possono prendere dal banco alimentare.
“Queste persone hanno un passato doloroso, famiglie da sfamare, situazioni di crisi” -afferma Stefania- “non dobbiamo mai dimenticarci di essere amorevoli, cortesi e di dimostrare loro il nostro affetto”.

Le ore di lavoro sono tante, l’impegno è costante, i chilometri da percorrere sono molti e talvolta le forze fisiche sono difficili da trovare. Nonostante tutto le volontarie e i volontari ADRA di Bologna ogni martedì alle ore 8.00 sono pronti ad aiutare il prossimo. Stefania, Lidia, Rosetta, Giuseppe, Edera, Samuele, Maria, Lilly e Licia distribuiscono gli alimenti a circa 25 famiglie ogni settimana. Edera racconta: “quando arrivo a casa sento la stanchezza, ma fino a quando sono qui al banco alimentare no! Lavorando insieme la stanchezza si sente meno e aiutare le persone riempie il cuore e fa dimenticare le ore di lavoro”.

Con questa energia e desiderio di cambiamento i volontari di ADRA Bologna continuano a mettersi al servizio del prossimo, regalando speranza alle persone che incontrano.


 

 

 

 

 

Debora Prati