La Guinea Bissau è uno dei paesi più poveri al mondo, dove l’educazione è estremamente carente. Questo è causa di continui esodi della popolazione giovane verso altri paesi africani confinanti (Senegal e Guinea) o verso altri paesi, di solito quelli di lingua portoghese come Portogallo e Brasile.

ADRA Guinea Bissau – l’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso – dal 1996 ha iniziato un programma educativo in diverse città ed isole del paese cercando di coprire i bisogni dei bambini dall’asilo accompagnandoli fino al liceo.

Finendo il liceo, i giovani hanno poche scelte: se hanno i mezzi finanziari o le amicizie giuste otterranno una borsa di studio da sfruttare localmente, altrimenti sono costretti ad emigrare. In quest’ultimo caso raramente ritornano in Guinea dove il rapporto tra salario e costo-vita è fra i peggiori al mondo.

Il progetto si propone di offrire a 32 giovani una possibilità di formazione liceale o universitaria, sfruttando le occasioni di formazione che la Guinea-Bissau offre nel campo del giornalismo, della medicina, della infermieristica, del diritto, dell’amministrazione e dell’economia, evitando così l’esodo dei giovani all’estero. Nel caso che il giovane debba formarsi all’estero si preferirà, per le stesse ragioni, un paese dell’Africa occidentale (Senegal e Ghana) lasciando comunque la porta aperta per seguire corsi oltre oceano qualora sia necessario.

L’obiettivo è fermare questo esodo senza fine che rischia di segnare la fine di un territorio, che, invece, necessita di un nuovo inizio.