skip to Main Content
LA PIAZZETTA BOLOGNA – ESPERIENZA DI HOUSING SOCIALE

LA PIAZZETTA BOLOGNA – ESPERIENZA DI HOUSING SOCIALE

La Piazzetta di Bologna è un progetto di Housing sociale inaugurato sabato 3 marzo 2012 e gestito dalla cooperativa Dai Crocicchi, in collaborazione con la cooperativa Arcobaleno, promosso da ADRA Italia (Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso), dal Consorzio Sol.Co. Insieme di Bologna e condiviso con il Quartiere Navile di Bologna.

La struttura è ospitata all’interno di un edificio nuovo, costruito grazie ad un ingente investimento dell’8xmille affidato agli avventisti, e si compone di una decina di camere.

La casa accoglie 5 mamme con bimbi e 5 anziani, secondo il principio della condivisione di spazi e momenti comuni (cucinare, stare insieme, giocare con i bambini) ma potendo sempre godere anche di momenti personali (ogni persona e nucleo avrà la propria camera), con l’obiettivo di promuovere esperienze di mutuo-aiuto e percorsi di autonomia.

La Piazzetta propone un sistema integrato di accoglienza promuovendo il principio di “cura dell’abitare”, in cui tutti collaborano e si dedicano del tempo scambiandosi utilità sociale: l’anziano può aiutare la mamma ed accompagnare il bambino a scuola e a sua volta la mamma può trovare un momento della sua giornata in cui cucina insieme all’anziano dedicando un po’ di tempo ad ascoltare storie di altri tempi.

La rivista delle Chiesa Cristiana Avventista ha raccolto la testimonianza di N., ospite della casa. N. ha 35 anni, 2 figli grandi, una brutta storia di violenza familiare alle spalle, la sua vita da quando vive alla Piazzetta è senz’altro più serena, vi sono le difficoltà che la convivenza, specie con estranei, presuppone, ma condivisione e autonomia si alternano in un giusto mix.

«Sono senz’altro più serena… Le preoccupazioni non mancano, sono senza lavoro, devo crescere due figli e il futuro incombe. Qui a LA PIAZZETTA, inizialmente, mi sentivo un po’ spaesata; non avevo mai vissuto in una casa con altre persone che non fossero miei parenti. Adesso mi sento più a mio agio. Sono diventata amica di una delle mamme e con le altre inquiline mi trovo bene. Capita che si litighi, per i turni delle pulizie per esempio. Io vivo al piano con gli anziani perché i miei figli sono grandi e possiamo convivere. Ognuno ha i suoi spazi ma durante la giornata condividiamo molte cose. A volte, un signore che abita al secondo piano mi regala un buon pranzo all’italiana».

Attualmente è senza lavoro, così si rivolge alle associazioni locali o ad ADRA Bologna (Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso) che l’aiuta una volta al mese con un pacco alimentare.

L’associazione aiuta, inoltre, queste persone a cercare lavoro attraverso internet e contattando telefonicamente qualche azienda, ma in questo periodo non è facile trovarlo.

«Sono riuscita a fare qualche colloquio ma poi non mi hanno richiamata. Il lunedì, una volontaria della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno viene ad aiutare mio figlio con l’inglese. Lui è bravo a scuola ma con inglese non ingrana. Una volta al mese ci incontriamo con le mamme per parlare anche di questioni molto pratiche.»

Per il futuro, N. si augura di trovare lavoro, di avere un contratto stabile e di trovare una casa tutta sua. Ma bisogna essere fiduciosi.

Puoi guardare il video del progetto cliccando qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Back To Top
×Close search
Cerca